Capodanno Solidale

1.1.2017

Non è mai semplice iniziare a scrivere qualcosa su un fatto, come può essere il cenone di capodanno vissuto in comunità, senza scadere nel banale o nell'ovvio: ci siamo divertiti, è stato bello, abbiamo mangiato bene e buon anno a tutti. Quest’anno però è stato diverso: come oratorio non abbiamo voluto organizzare un semplice cenone, ma abbiamo voluto fare qualcosa di concreto per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto di questa estate. L’idea ha attecchito immediatamente: probabilmente ci sentivamo un po’ tirati in causa visto che da qualche anno rivolgiamo gli occhi al centro Italia per organizzare il campo estivo. E probabilmente anche perché proprio in quei giorni il don Gianpaolo si trovava a pochi chilometri dall'epicentro, chiedendosi come mai fosse nella zona risparmiata e non in quella colpita...All'inizio volevamo destinare loro il ricavato di una sera dell’imminente festa della comunità, ma poi ci abbiamo ripensato. Nell'immediato scattano sempre le gare di solidarietà... altra cosa invece è ricordarsi di loro mentre il tempo continua a scorrere. E infatti, nello scrivere questo articolo, ho provato a fare una rapida ricerca su internet: sulle maggiori testate giornalistiche italiane non c’è più una notizia di Amatrice e dintorni. Solo andando a cercare qualcosa di specifico ho trovato che le SAE (soluzioni abitative di emergenza) dovrebbero essere pronte entro febbraio. Per carità, ci sono ancora delle iniziative ed è sbagliato dire che l’Italia si è dimenticata. Tuttavia non è più la notizia principale e per chi vive in quei luoghi è ricominciato il tempo di una routine completamente diversa rispetto a prima. E allora abbiamo voluto ricordarci di loro più avanti e non nell'immediato, organizzando un cenone di capodanno per aiutarli. Questa è la prima metà della storia. L’altra metà l’hai scritta tu, comunità di Loreto, che hai accolto con entusiasmo questa iniziativa. centocinquantatré presenze: un numero significativo (ed evangelico!). Grazie per aver risposto alla nostra iniziativa e per averla resa possibile. Penso che questa partecipazione abbia fatto la differenza tra la cronaca scontata di uno dei tanti eventi della nostra parrocchia e un’iniziativa che ha dimostrato la generosità di moltissime persone. Buon anno a tutti!

Please reload

Articoli Importanti

Il sinodo dei giovani - parte 2

5.11.2018

1/7
Please reload

Ultimi Articoli
Please reload

Archivio
Please reload